Vai al contenuto
Home » Il nostro 25 aprile e una domanda che merita risposta

Il nostro 25 aprile e una domanda che merita risposta

  • NEM 
  • nem

Pubblichiamo le prime trenta righe dell’articolo di fondo scritto per il Corriere della Sera da Ferruccio de Bortoli, che si concludono con una domanda davvero stringente per tutte le persone intellettualmente oneste

Se preferisci, ascolta l’audioarticolo

Ottanta anni non sono bastati

Ci siamo illusi in tutti questi anni che il 25 Aprile diventasse veramente una giornata di memoria comune.

La Repubblica ha ormai la vita media di un italiano. Il tempo di una generazione dovrebbe essere la garanzia della formazione di una coscienza collettiva.

Un così lungo periodo di democrazia repubblicana non è però bastato per provare insieme — senza amnesie o inutili distinguo — orrore e vergogna per la tragedia di una dittatura che trascinò l’Italia in guerra. Cioè per fare i conti, fino in fondo, con la Storia, scrollandoci di dosso, per esempio, l’autoconsolatoria retorica degli «italiani brava gente».

Ottant’anni non sono stati sufficienti perché tutti maturassero orgoglio e riconoscenza, senza troppa retorica, per il coraggio dei partigiani e di tutti coloro che si ribellarono al nazifascismo. Né per esprimere meglio la gratitudine nazionale per i militari che dissero no a Salò, finirono internati e dimenticati nel Dopoguerra.

Noi italiani del secolo dopo, che respiriamo un’aria di libertà come se fosse una condizione naturale della Storia, avremmo avuto lo stesso coraggio di quei nostri concittadini? E rischiare la vita, anche dei familiari, per il proprio Paese?”

NEM - Nessuno Escluso Mai
Testata Web No Profit - Reg. Trib. Reggio Cal n.2/2022
Tel. 0965 894706 Via Paolo Pellicano, 21h - 89128 Reggio Calabria (RC)
Direttore Responsabile Giuliano Quattrone - Web Master e Designer Danilo Avila