Vai al contenuto
Home » Povertà

Povertà

Poveri e fragili intrappolati nel labirinto della burocrazia

Secondo gli ultimi dati Istat, la Calabria è la regione con il maggior numero di persone in stato di disagio economico, mentre l’Unione Europea prevede un aumento della povertà assoluta a seguito dell’abolizione del reddito di cittadinanza. Nel frattempo, chi ha diritto ai sostegni previsti dalle misure sostitutive del RDC aspetta mesi e mesi, vagando da un ufficio all’altro e cercando su internet ed in ogni dove risposte che spesso non arrivano

L’INPS sbaglia un SMS, ma non è il solo responsabile delle tensioni sul RDC

L’INPS sbaglia un SMS, ma non è il solo responsabile delle tensioni sul RDC.
Sette mesi non sono bastati a governo e maggioranza per mettere in campo gli strumenti alternativi al Reddito di Cittadinanza per i cosiddetti “occupabili”, ma nemmeno alle opposizioni per sollecitarne l’avvio. Sul destino di chi non ce la fa si affacciano i fantasmi dell’Autonomia differenziata e si allungano le ombre di istituzioni importanti messe in crisi dall’invadenza del potere politico

Meno tutele per i poveri e le famiglie fragili

Meno tutele per i poveri e le famiglie fragili. Il Reddito di Cittadinanza è destinato a scomparire per essere sostituito da due diverse misure: il Supporto per la Formazione ed il Lavoro, che partirà dal 1° settembre, e l’Assegno di Inclusione, che entrerà in vigore dal primo gennaio 2024. Vi proponiamo alcune domande e risposte per capire cosa cambierà e se sono motivate le preoccupazioni di chi sostiene che l’obiettivo vero sia “fare cassa” sulla pelle dei più poveri

NEM - Nessuno Escluso Mai
Testata Web No Profit - Reg. Trib. Reggio Cal n.2/2022
Tel. 0965 894706 Via Paolo Pellicano, 21h - 89128 Reggio Calabria (RC)
Direttore Responsabile Giuliano Quattrone - Web Master e Designer Danilo Avila